Il colore che vibra…

18 giugno 2008

 

  

Monet – impressione, sole nascente – 1873           

Monet – papaveri ad argenteuil – 1873

Io ho un senso del "bello" molto strano,vario,composito : un "bello" che è semplice ma non scontato,un "bello" che è pieno e non vuoto; un "bello" che è caotico ma dolce, buono ed energico…che è pace, ombra ,luce, silenzio…che è informe e da’ vita alla forma. E’ un "bello" vivo e si muove stando fermo! E nell’arte lo vedo tutte le volte che mi capitano sott’occhio i quadri dei pittori impressionisti: Monet è il capofila di una schiera di artisti per l’epoca a dir poco rivoluzionari! Degas, Manet, Monet,Renoir, Pisarro, Sisley…questi signori avevano occhi nuovi! "Impressione, sole nascente"…è da qui che è iniziato tutto: questa tela di Monet fece parlare molto per la tecnica pittorica scelta , per il soggetto rappresentato. Un critico infatti pronunciò un commento poco benevolo a riguardo, sostenendo che il suddetto quadro avesse proprio un titolo azzeccato : per il suo gusto,infatti, la tela faceva realmente impressione…nel senso di ribrezzo però! Beh, il poverino in realtà non sapeva che così facendo avrebbe contribuito a dare un nome a questo gruppo di zuzzurelloni, che se ne andavano tutto il giorno a zonzo tra le campagne francesi, con tavolozza e cavalletto sottobraccio! Da lì in poi furono chiamati "impressionisti". Via le forme scultoree, i chiaroscuri impeccabili …con loro ci si immerge nella luce; tratti decisi e spezzati del pennello, virgole di giallo, rosso, blu…si percepisce solo questo da vicino ma appena ci si allontana…ecco,ecco cosa cercavo,ecco il bello…il colore che vibra!Colori primari che sovrapposti ed accostati ad arte creano sfumature vive luminose, reali, mobili. Acqua, barche, volti, cieli, nuvole …tutto è in anarchia ma al tempo stesso è in armonia; tutto è disgiunto, tutto è fuso. Così capita di perdermi…sprofondo nel colore e mi ritrovo a vestire i panni di quella donna con l’ombrellino verde che compare serena e serafica nelle tele di Monet! Il drappeggio delle vesti, le spighe di grano calpestate dai piedi, le nuvole sopra al suo cappellino…tutto cambia col mutare della luce ed un secondo dopo tutto è diverso da prima! Quella damina ogni volta può suscitarti un’ impressione diversa…perchè in lei e tutt’intorno vibra la vita.  

Chiara  

 

 

 

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: