Cronaca di una notte d’estate

3 agosto 2008

Le conseguenze della notte bianca sono impresse sulle mie piante dei piedi per sempre, credo in maniera irreversibile! No,no…non immaginate balli sfrenati, cocktails  e droghe…solo una pizza con Pì e Gì e poi viaaaa!!!Per le strade della mia città! Ieri notte io, misero pedone, ero padrone di ogni centimetro d’asfalto…niente due ruote,quattro ruote, tricicli e cavalli…solo un fiume di bipedi che pascolavano indisturbati e felici come le caprette di Heidi sulle montagne! E poi…gli odori di specialità gastonomiche tipiche…i colori intensi del thè e della cioccolata…le voci dei venditori ambulanti…ritmi e musiche diverse ad ogni angolo della strada…in una cornice di palme, luci e profumi! Questo è lo sballo per me!Sembra che per una notte la città si fermi e che, nonostante la frenesia della gente in festa, paradossalmente sia tutto più tranquillo ,tutto piùùù…"easy"!!Una passeggiata con gli amici, quattro chiacchiere, un gelato, un bicchiere di vino…e tutto è più facile!In una serata così ,per i fortunati come me,che non hanno malattie invalidanti e sono contornati dalle persone giuste, si dimenticano le bollette da pagare, le pene d’amore, lo stress del lavoro,i piccoli problemi di ogni giorno…e finalmente si vive!Che cos’è la vita se non questo?Tutto se ne va…il dolore finisce,la gioia finisce…ti rimane dentro solo la sensazione di certe frasi dette, il fremito esilarante di quella risata,il tocco leggero di una coccola rubata tra un passo e  l’altro,lo scivolare delle parole in festa! Non amo le folle…ma con un paio di infradito ai piedi e un po’ di brezza in più avrei potuto continuare a godermi il mio personale paradiso fino alle nove di stamattina! Invece alle 4 io e i miei amori, sfiniti dalle 5 ore di giri,balli,canti e siparietti vari abbiamo deciso di ritirarci e di tornare ognuno al proprio ovile!Sono andata a dormire stanca …ma i volti di chi amo ed i colori della mia città  ancora vivi negli occhi , mi hanno regalato il sonno più dolce che si possa desiderare.
Chiara

2 Risposte to “Cronaca di una notte d’estate”

  1. Monica said

    Il dolore finisce? Ahahahahah bugiarda spudorata! Con tutto quel che hai sofferto con quelle scarpe ci vuole il coraggio tuo! Cmq, stupidaggini a parte, lo vedi perchè ci amiamo? Vatti a leggere il mio di post sulla serata…è inutile, vibriamo nello stesso modo io e te amore (con la o rigorosamente aperta!). Grazie per la bellissima serata Gì.
    TvvtvtvtvtvtvtvtvttvvtvtvtvtvtvtvtvvtvtvvttvvtvtvtvtvtttvvtvtvtvtvtvtvtvtvvtvtvtvtvtvtvtvtvtvtvvtvtvtvtvtvtvtvtvtvvtvtvtvtvtvtB

  2. Luca said

    Non ti emozionare adesso per il primo commento di una persona "esterna" alla tua cerchia di amici… Buon inizio settimana.. sperando che i piedi ti facciano davvero meno male😀

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: